sabato 31 gennaio 2009

Quesito: cessione del quinto in busta paga.

sono la dipendente di una cooperativa chiamata masterservice con sede a funo,io ho in busta paga la cessione del quinto x la rata della macchina (importo €125 al mese),però questa voce in busta paga non compare c'è il netto, faccio un esempio :€650 netto -bonifico in banca €525 .più volte ho chiesto come mai non ho la voce in busta paga e non mi hanno saputo dare una spiegazione esaustiva .inoltre ho scoperto che alla finanziaria la rata non viene versata ogni mese ma a cadenza variabile ,ad oggi che vi scrivo le rate coprono fino ad agosto del 2008 anche se a me tutti i mesi sono state tolte ma lo vedo solo dal bonifico in banca .cosa posso fare? o a chi posso rivolgermi x risolvere il tutto?

| More

1 commento:

Il Commercialista in Rete ha detto...

La sottoscrizione del contratto vincola il datore di lavoro a due precisi obblighi:
1) a trattenere la rata indicata nel contratto dalla busta paga del dipendente e a versarla alla Banca erogante il prestito. Questo obbligo persiste per tutta la durata del piano di ammortamento ma solo se c'è una busta paga su cui addebitare la rata. In caso di cessazione o sospensione della busta paga per qualsivoglia motivo (dimissioni, licenziamento, aspettativa ecc.) il datore di lavoro è legittimato a interrompere il pagamento della rata. Il Datore di Lavoro non è mai responsabile del corretto pagamento del prestito ma viene semplicemente incaricato del pagamento della rata.

2) in caso di dimissioni o licenziamento dovrà trattenere ogni somma maturata dal dipendente presso l'azienda e versare tale somma alla Banca erogante. Questa la utilizzerà per estinguere totalmente o parzialmente il debito residuo. E' il caso, principalmente, della liquidazione maturata ma anche di ogni altra somma maturata al momento della comunicazione delle dimissioni/licenziamento: ultimo stipendio, rateo tredicesima, ferie non godute ecc.